Benvenuti Boris e Juri!

Benvenuti Boris e Juri! Dopo aver vissuto costretti in un appartamento sono approdati ad Ippoasi e hanno finalmente conosciuto la gioia di potersi immergere nelle pozze di acqua piovana o nello stagno del Rifugio o ancora di sgambettare un po’ dappertutto nel loro grande recinto.

Buona vita cari amici!

Benvenuta, Agostina!

Giacomo racconta: “Agostina è stata comprata ad una fiera quando aveva solo pochi mesi di vita, per far contenta una bambina che desiderava tanto un animale. Ago è rimasta fino ai suoi 5 mesi in un box 3 x 3 di un maneggio, dove ci siamo conosciuti. Per serie esigenze personali la mia ragazza non aveva trovato altra soluzione che tenere i cavalli in sosta al maneggio e quando andavamo da loro, ogni giorno, passavamo anche dal box di Ago.
Ago cominciava a crescere, e alla fine i suoi “proprietari” decisero di inserirla nel circuito della vendita. Proposi quindi loro di accogliere io Ago, senza pagare per la sua vita, ovviamente. Nell’agosto 2017 Ago è arrivata da me: gli ho costruito una stalla, in un terreno di circa 45 mq. Era la prima volta che Agostina viveva fuori da un box. Abbiamo trascorso insieme centinaia di giornate, e costruito un rapporto quotidiano basato su fiducia e amicizia. Con il trascorrere del tempo, però, il terreno argilloso cominciava a cedere e a trasformarsi: nel giro di tre anni era diventato un pantano, sempre più scomodo e invalidante (negli ultimi tempi Ago affondava nel pantano fino a toccare con la pancia). Inoltre, anche se Ago non viveva più in un box, era comunque assolutamente sola, senza altri animali, tranne me, a farsi compagnia nelle notti di pioggia, nelle fredde giornate invernali o che semplicemente potessero condividere con lei il sole estivo o l’aria di primavera. Nella speranza di dare ad Ago quello che io non sono riuscito entrare in gioco voi. Io e Ago non vi ringrazieremo mai abbastanza.”

Agostina è arrivata ad Ippoasi qualche settimana fa, grazie agli sforzi e alla caparbietà di Giacomo e delle nostre compagne del Rifugio Alma Libre. Insieme abbiamo cercato una casa degna e sicura per Ago. Il suo recinto era diventato impraticabile per via del troppo fango e il terreno sul quale era situato verrà messo in vendita. Alla fine Agostina è stata accolta al rifugio. Il suo arrivo è stato un momento di infinita gioia. Non ci sono parole per descrivere la felicità di vederla scorrazzare nel grande recinto, rotolarsi nelle pozze, sdraiarsi nei giacigli di fieno. Le abbiamo immediatamente costruito un riparo, accanto a quello di Sole: lo apprezza moltissimo. Giacomo viene a trovarla ogni volta che può e si occuperà del suo mantenimento a distanza.

Benvenuta Ago!

Benvenuta Sole!

Benvenuta a casa, Sole.

Ti abbiamo incontrata per la prima volta all’interno di uno di quei luoghi dal mondo celati e dimenticati.
Quando abbiamo saputo che avevi vissuto per il tuo anno e mezzo di vita chiusa in un minuscolo box in cemento, al buio, nel tuo piscio e nelle tue feci, senza poter vedere mai la luce del sole, senza calpestare l’erba, senza fare i bagni di terra e fango, senza muovere le zampe, quando abbiamo capito che sei cieca a causa di tutto questo, abbiamo deciso di chiamarti Sole.
Tu vivrai. Ti bagnerà la pioggia, ti scalderà la luce. Osserverai come le stagioni cambiano, e muterai con esse.

Sole, tu vivrai per sempre. Quando ti incontriamo, incontriamo tutte le schiave prigioniere oppresse. Quelle che nascono già recluse. Quelle che vengono nutrite con scarti di pane talmente ammuffito che è blu, quelle che hanno la pelle bruciata dalle feci di gallina – le uniche compagne di detenzione. Quelle terrorizzate da ogni suono umano, quelle che non pensavamo si sarebbero fidate mai.

Sole, questo è solo l’inizio.
per te e per tutte le altre.

Sole è arrivata ad Ippoasi durante l’estate del 2020, all’età di un anno e mezzo. Viveva prigioniera in una stalla abusiva di un maneggio in disuso, totalmente sola e al buio.

Ambra ha bisogno di noi

 

Il 30 aprile Ambra verrà operata al suo occhio malandato e ancora malato: ha bisogno del nostro sostegno. Aiutateci a coprire le spese veterinarie dell’operazione. Trovate la sua storia e le informazioni nel link a destra.