“I modi di vivere alternativi sono un modo di chiamarsi fuori da un sistema che si sta autodistruggendo.” A. Staid, Abitare Illegale

Domenica 28 aprile Ippoasi ospiterà un piccolo convegno autogestito sulla bioedilizia e sui suoi materiali. La natura ci mette a disposizione risorse facilmente rinnovabili quali legno, canapa, paglia, sughero (ecc.) attraverso la riscoperta dei quali possiamo invertire rotta e tornare a costruire ambienti confortevoli, diminuendo sensibilmente l’erosione del pianeta, le emissioni inquinanti e l’uso delle discariche. L’incontro è da intendere quale riflessione sul tema del costruire consapevole.

“Ripensarsi anche nell’abitare in modo ecologico, decentrato e partecipativo può dare risposte concrete”. Autocostruzione è consapevolezza. Anche in Italia, per esempio in Friuli, in Abruzzo e in Emilia, l’impulso all’autocostruzione ha rappresentato per molt* un’alternativa alle tendopoli e alla speculazione edilizia post-terremoto. Nella gran parte dei casi le abitazioni costruite dagli abitanti si sono dimostrate molto più resistenti e sostenibili di quelle fornite dallo stato.

Dopo una prima parte teorica, tenuta dall’arch. Daniele Cecchi e dall’ing. Alberto Forconi, ci sarà una sezione pratica in cui il bio-artigiano edile Raffaele Barretta dimostrerà come si realizzano un intonaco in calce canapa, un mattone in calce canapa e un intonaco risanante in cocciopesto.

Programma:

  • ore 10.00: ritrovo presso il rifugio
  • ore 10.15: inizio dell’incontro teorico
  • ore 12.00: focus sui materiali ecologici e inizio sessione pratica

Al termine del laboratorio, verso le 13.00, abbuffata di pizza vegan cotta sul momento in forno a legna! 🙂

La giornata sarà TOTALMENTE benefit per gli animali rifugiati ad Ippoasi. L’offerta minima richiesta per partecipare, comprensiva anche del pranzo, è di 35 € a persona.

Prenotazioni

I posti sono limitati, affrettatevi a prenotare. Potete al 3897629476 o con il modulo sotto. Al momento della prenotazione dovete comunicare:

  • il numero di adulti e bimbi e l’età
  • un nominativo e un recapito telefonico
  • eventuali intolleranze alimentari

Grazie mille!

13 + 4 =

Share This