maiali

PEPPA è una tipica maiala rosa, ibrido d’allevamento, recapitata ad Ippoasi da posto sconosciuto. Il taglio della coda che ha subìto fa pensare che venga da uno di quei lager per maiali che sono gli allevamenti intensivi. E’ stata trovata in un recinto del rifugio alla apparente età di un paio di mesi, e dopo un periodo di quarantena (spesso gli animali che vengono dagli allevamenti intensivi sono malati), è stata presentata a Gorgo, la cui prima reazione è stata di spavento (era molto tempo che non vedeva un suo simile!). Sono diventati subito inseparabili (i suini vivono in gruppi ed hanno una socialità importante) e Gorgo ha insegnato all’amica tutto quello che lui ha avuto modo di imparare fuori dal cemento dell’allevamento, sulla terra del rifugio (scavare buche con il naso, trovare vermi e radici)… Peppa invece decideva quando andare in un bel posto comodo a riposarsi! Ha sviluppato un bel caratterino: urla e strepita quando vuole qualcosa a tutti i costi e quando va in calore ricera amore da chiunque si muova! Ma è meraviglioso vederla libera e determinata, pensando che invece era nata solo per essere un prosciutto…
PEPPA è adottata a distanza da: ANGELA DI FIRENZE e ARIELLA DI ROMA


GORGO è un maiale nato nell’allevamento dell’isola carcere di Gorgona, ultimo carcere “aperto” italiano, dove c’è una sezione, chiamata l’Agricola, nella quale i detenuti lavorano nell’allevamento di mucche da latte, di capre, pecore e suini; nel caseificio, nel macello e negli orti. Grazie ad un accordo pattuito con il veterinario responsabile, uno dei fondatori di Ippoasi ha scambiato una sua prestazione sui cavalli dell’isola (pareggio degli zoccoli) con un maialino vivo. Gorgo è stato preso dalle mani del macellaio e dal gruppo dei suoi fratelli quando aveva soli 2 mesi; è stato messo in una gabbietta e trasportato con la nave fino al rifugio. Qui ha vissuto come unico suino per molti mesi, crescendo libero insieme agli umani e agli altri animali, sviluppando una tale fiducia nel prossimo che quando ne ha voglia si sdraia a pancia all’aria per chiedere di essere grattato! E’ il grande amico di Peppa, con la quale condivide volentieri il giaciglio per lunghi sonnellini e ha dimostrato di essere un saggio capobranco. Chiunque non sappia quanto dolce, pulito ed intelligente sia un maiale, dovrebbe venire a conoscere Gorgo.
GORGO è adottato a distanza da: MARIA CONCETTA DI MURANO (VE) e MARTINA DI FIRENZE.


 ALFRED è un maiale nato a ottobre 2011 e salvato in una situazione molto singolare. All’età di tre mesi circa è stato messo come premio in una lotteria in provincia di Cremona, proprio come fosse un pacco di pasta o una bottiglia di vino. Fortunatamente le persone che lo hanno “vinto” non volevano per lui una brutta fine ed hanno contattato un’associazione della zona per salvarlo. E’ stato tenuto con grande amore fino a circa 1 anno di vita in una cascina che però poi non è stata più disponibile, e così dopo un’accurata ricerca di un posto buono per lui, Alfred è approdato a Ippoasi i primi di novembre 2012. Da quando si trova al rifugio il nostro amico ci dimostra ogni giorno quanto sia bisognoso di cure: infatti a causa di una malformazione alla schiena non riesce a sorreggersi correttamente nelle zampe posteriori e questo, soprattutto nella stagione fredda e umida, gli causa notevoli difficoltà deambulatorie. Ma non c’è problema! Tutt* i volontari sono pronti ad aiutarlo! Abbiamo trovato, grazie al nostro bravissimo Veterinario Marco Verdone, un insieme di rimedi omeopatici che gli danno un grandissimo sostegno e le giornate di Alfred proseguono lieti e tranquille! Per via delle costose cure che Alfred deve avere la sua adozione è doppia!
ALFRED è adottato a distanza da: CHIARA e ALE di ROMA e STEFANIA DI LIVORNO (regalo di Sveva e Davide), da DAVIDE DI ROSIGNANO MARITTIMO e da SARA DI SOSPIROLO (BL) 

CARA. Per gli amici “Cara-carina”. Maialona che ha vissuto per ben 10 anni chiusa in una voliera allo zoo di Cavriglia (AR). Questa vita, vissuta in uno stato di completa reclusione e senza stimoli ambientali le ha causato una grande depressione e una sostanziale immobilità (trascorreva il 95% delle sue giornate distesa, annoiata). A causa di ciò ha sviluppato una artrite alle zampe che la fa muovere come se fosse un piccolo robot. Liberata da questa gabbia, approda a Ippoasi, dove possiamo affermare con certezza che è rifiorita! I numerosi stimoli ambientali rendono la sua vita intensa e varia. Ha imparato a farsi il bagno nel fango, a grufolare e a relazionarsi con gli altri maiali, che ha visto per la prima volta all’età di ben 10 anni! E’ meraviglioso osservare la minuzia con cui si prepara il giaciglio con il fieno per i suoi sonnellini, o come si gusta la frutta che ogni giorno i volontari le danno, in compagnia di Gorgo & Co.

CARA  è adottata a distanza da FRANCESCO DI AREZZO

WASABI. Wasabi è un maialino vietnamita di circa 6 mesi, giunto alla fine del novembre 2016 nella grande famiglia Ippoasiana. Fin da subito ha mostrato il suo carattere intraprendente e per nulla timoroso, fiducioso nei confronti della vita e delle proprie capacità! Dobbiamo ammettere che ha una gran bella faccia tosta: ha subito tentato di imporsi su Gorgo, il grande autorevole punto di riferimento dei maiali, ma questo tentativo è stato vanificato dalle dimensioni di Gorgo, estremamente più grosse di quelle del piccolo Wasabi. Essendo da sempre stato abituato al contatto con l’uomo, spesso ne ricerca la compagnia, per poi tornare alle sue occupazioni quotidiane: mangiare, correre, giocare. Si è inoltre creato quasi subito un grande feeling con Bonito, l’altro piccolo vietnamita della famiglia!

WASABI è adottato a distanza da MANUEL, GIORGIA e dal piccolo LIBERO di CESENA 

BONITO. Il simpaticissimo Bonito è stato salvato da due persone sensibili che dopo aver trascorso con lui un anno, hanno dovuto condurlo alla Fattoria della Pace, di modo da garantirgli uno stile di vita più consono alla sua natura. Appena arrivato, Bonito ha trascorso parte della sua permanenza all’interno del pollaio, in attesa di essere sterilizzato e dopo che questo è avvenuto è stato finalmente liberato nel grande recinto, assieme agli altri animali! Sin da subito si è ambientato molto bene ed è diventato grande amico del maialino vietnamita come lui Wasabi, arrivato pochi mesi dopo: insieme si cimentano in piccole grandi avventure, proprio come loro!

BONITO è adottato a distanza da CHIARA, LUDO, BRUNELLA E MATILDE DI TIRRENIA (PI)

PRUGNA è una dolcissima cinghialina, portata all’età di 2 mesi all’Ospedale Didattico Veterinario di San Piero a Grado (PI). Era il il 4 aprile 2016 e un cittadino l’aveva trovata vagante e sola. Fortunatamente per lei non era ferita e si presentava in ottimo stato di salute e nutrizione: è stata curata dagli studenti del dipartimento, che l’hanno allattata fino a fine aprile e successivamente svezzata.
Un tecnico del Dipartimento di Scienze Veterinarie di Pisa si è poi resa disponibile ad accogliere temporaneamente Prugna che, con un decreto dirigenziale della Regione Toscana, le è stata affidata. La nostra cara amica è passata da essere super coccolata dalle studentesse del dipartimento ad essere super coccolata dalla famiglia della dottoressa!
Divenuta adulta ha richiesto però un ambiente più idoneo alla sua specie e quindi è stata accolta ad Ippoasi, dove imparerà ad essere più indipendente dall’interazione con l’uomo, privilegiando invece finalmente le relazioni con i suoi simili!
Prugna ha dimostrato subito un carattere davvero vispo e spumeggiante: adora rincorrere i cani con i quali tenta di giocare, ma anche fare i dispetti ai volontari buttando all’aria tutto il fieno che loro pazientemente ammucchiano!

PRUGNA è adottata a distanza da SARA e FEDERICO di VIAREGGIO e da RICCARDO di VIAREGGIO.

FICOSECCO (per gli amici STRINGA) è un cinghialino tutto pepe. Il suo destino è cambiato quando alcune persone sensibili lo hanno sorpreso casualmente sul ciglio della strada mentre veniva allontanato a calci da ciclisti, tutto solo e senza la sua mamma più a proteggerlo. Ficosecco aveva ancora il cordone ombelicale attaccato ed è stato curato e allattato con grande amore fino allo svezzamento, quando è stata presa la decisione di fargli trascorrere il resto dell’esistenza in un luogo più consono alla sua natura. In pochi giorni il mitico cinghialino ha conquistato tutte e tutti i volontari, con la sua disarmante dolcezza e allegria!

FICOSECCO è adottato a distanza da GINEVRA DI AMEGLIA (SP)

I commenti sono chiusi.