Pompadour non si arrende!

Le emergenze sono sempre dietro l’angolo! Questa volta il protagonista è stato il nostro amico vecchietto Pompadour, beagle sottratto agli orrori della vivisezione.

Abbiamo aspettato ad informarvi pubblicamente perché volevamo avere più dettagli riguardo la sua situazione. Giovedì sera, dopo il turno al rifugio, siamo tornate a casa con lui come ogni giorno e subito ci siamo accort​e​ che qualcosa non andasse: aveva occhi vacui, era inappetente e abbattuto. Lo abbiamo immediatamente portato alla clinica veterinaria dell’Università di Pisa, dove è stato ricoverato. È stato deciso di trattenerlo quindi per un paio di giorni, perché la situazione era abbastanza grave. È uscito solo sabato nel pomeriggio.

Abbiamo salvato Pompadour dal coma, era in stato di shock al suo arrivo in clinica. La diagnosi finale è stata di un quadro sospetto di sindrome epilettica e/o sindrome cervicale.
Al momento della dimissione aveva ottimo controllo del dolore, buona attitudine generale e ottimo appetito. Mercoledì tornerà in clinica per ulteriori controlli.

Il nostro piccolino sta davvero meglio ora, ogni volta che ci vedeva riprendeva energia e ha sgambettato tutto contento di essere tornato a casa con noi!

Speriamo possa stare meglio per il maggior tempo possibile. Ha ormai 15 anni ma ha gli occhi vivi di un ragazzino!​

Per tutti quanti gli esami, le cure e per i giorni di ricovero in clinica abbiamo speso 530 €. Molti soldi per noi, ma ne vale sempre la pena.

Pompadour, sei fortissimo e noi saremo con te ogni volta che ne avrai bisogno!

Buon viaggio caro Puppino…

…ci mancherà la tua tenacia di vivere, ci hai insegnato a non arrenderci, ci hai ricordato il valore dei gesti d’amore. Con lieve ritardo vogliamo salutare il nostro dolce cucciolo Puppino, che la scorsa settimana ci ha lasciati in maniera totalmente improvvisa, facendoci rimanere di stucco. Puppino è arrivato ad Ippoasi quest’anno, grazie ad una volontaria che lo ha salvato da morte certa a soli sei giorni di vita: il cucciolotto aveva ancora il cordone ombelicale attaccato quando lei lo ha portato a casa, dove lo ha allattato con amore fino allo svezzamento. Purtroppo, prima di arrivare al rifugio, il piccolo agnellino aveva avuto delle complicazioni a causa di un intervento veterinario andato male che gli ha causato dei gravi problemi all’uretra che lo avevano portato in fin di vita e dai quali poi si era fortunatamente ripreso. Quegli stessi problemi sono stati la causa di un’incertezza costante del suo stato di salute. Puppino, quanto era bello vederti spuntare tutto nero in mezzo al branco delle candide pecore, dopo i primi mesi in cui te ne stavi solitario. Che esplosione di gioia renderci conto che eri riuscito a stringere un legame meraviglioso con l’altra cucciola del gruppo, Valentina. Non vi separavate mai e giocavate spesso insieme. Proprio tu, Puppino, ci hai trasmesso una lezione profonda e indimenticabile, godendo ogni minuto di una vita troppo breve, ma speriamo con tutto il nostro cuore serena e gioiosa: non arrendetevi, ci hai ricordato. Non ci arrendiamo caro amico, noi non ci arrendiamo, ma il vuoto che hai lasciato sarà duro da colmare. Doversi separare da un giovane individuo come te è davvero difficile da accettare.

Buon viaggio, Puppino, da tutta Ippoasi.

Festa d’Inverno

Tornano gli eventi ad Ippoasi! Siamo felici di presentarvi la Festa d’Inverno 2018, una splendida occasione per trascorrere la giornata al rifugio, aiutandoci a sostenere le spese di gestione!

Tale evento è importantissimo sia in quanto occasione di divulgazione, sia per la sua utilità nell’impegnativo lavoro di raccolta fondi che i volontari del progetto Ippoasi attuano per mantenere in vita questa realtà.

L’evento sarà così strutturato:
– ore 10:00: visita guidata del santuario
– ore 12.30: pranzo a buffet vegan, biologico e a km 0
– ore 14.00: presentazione del libro “Un incontro mancato”, sul reportage animalista a cura di Stefano Belacchi e Benedetta Piazzesi
-ore 14.00: intrattenimento bimb* a cura di Saltimbanko Scuola di Circo di Livorno

Ecco i prezzi per il pranzo (bevande escluse, acqua gratis!):
– adulti: 15 €
– bambini da 0 a 6 anni: gratis
– bambini da 7 a 12 anni: 8 €
– adulti dagli 85 anni in su: gratis

Per sostenere il rifugio e per dare un contributo alla realizzazione degli eventi chiediamo oltre alla quota del pranzo anche un’offerta libera e responsabile. Tutto il ricavato andrà a sostenere gli animali salvati che vivono ad Ippoasi!

I posti sono limitati, affrettatevi a prenotare. Potete farlo alla mail o al 3897629476.
Al momento della prenotazione dovete comunicare:
– il numero di adulti e bimbi e l’età
– un nominativo e un recapito telefonico
– eventuali intolleranze alimentari

Pranzo benefit per Ippoasi ONLUS