Pompadour si allena al sole!

 Pompadour si allena al sole! Il nostro amico è proprio un vecchietto e ha bisogno di fare attività fisica durante il giorno, per mantenersi in forma. Purtroppo i muscoli della sua schiena non funzionano per niente bene, ed è per questo che molto spesso interrompe le passeggiate per sedersi: deve riposarsi un po’!

Pompadour, vista la longeva età e le precarie condizioni fisiche, dovute ovviamente anche al suo atroce passato, è tenuto costantemente sotto controllo dalle volontarie e dai volontari di Ippoasi! Proprio ieri, infatti, è stato dal veterinario per un controllo medico, andato positivamente.

Siamo cert* che la vera cura per lui non siano le medicine o le vitamine che gli stiamo somministrando per sostenerlo ulteriormente, ma l’immenso amore e la pace che solo al rifugio ha potuto trovare. Lui ce lo dimostra ogni giorno con la sua allegria coinvolgente e la tenacia con cui è attaccato alla vita!

Pompadour è adottato da Enrico di Ravenna, e lo ringrazia per il suo costante sostegno!

Importante: nuovo IBAN

Amici e Amiche sostenitori e sostenitrici di Ippoasi,

Banca Etica, dove abbiamo il conto, a partire dal 4 dicembre cambierà i suoi servizi e ci ha comunicato il nostro nuovo IBAN: IT67S0501802800000011318854. Rimarrà comunque attivo per due anni anche il vecchio, quindi niente paura, le vostre donazioni per sostenere gli ospiti di Ippoasi continueranno ad arrivare. 🙂

Vi chiediamo la cortesia di fare le vostre donazioni sul nuovo IBAN così da agevolare il passaggio dal vecchio.

Cogliamo l’occasione per ringraziarvi tutt* di cuore per il vostro sostegno.

Tutt* gli Animali ospiti di Ippoasi

Arrivederci Papavero…

 

…ti abbiamo sostenuto fino all’ultimo, con tutto il nostro amore. Sono anche i vostri sereni arrivederci che ci danno la forza di continuare a lottare ogni giorno. Sei nato all’interno del pollaio ippoasiano, purtroppo per una nostra svista, noi sapevamo già che avresti sofferto così tanto ma siamo sempre stat* pront* per rimanere al tuo fianco.

Il tuo peso spropositato – lo stesso dei miliardi di tuoi fratelli fatti nascere consapevolmente dagli umani che vogliono semplicemente approfittare della loro carne – ha affondato ogni mese di più gambe che non erano preparate per sorreggerti.
Dopo infinite visite veterinarie che però non portavano più a nulla se non a peggioramenti di altro tipo, abbiamo deciso di lasciarti un po’ di respiro, accompagnandoti con amore e dedizione. Hai continuato ad essere parte della famiglia per altri lunghi anni, potendo vivere in pace ed in serenità, instaurando legami sociali, trascorrendo tempo con i tuoi fratelli e il tuo babbo pennuto, Coscialunga. Hai dimostrato un’incredibile attaccamento alla vita, e noi abbiamo imparato tanto da te.

Quando hai smesso di camminare e sei diventato un bersaglio per gli altri galli ti abbiamo costruito una casina solo per te, dove poter trascorrere il giorno senza rinunciare alla meravigliosa luce del sole, che ti ha sempre fatto un gran bene. Ogni notte dormivi insieme alla piccola Vecchietta, che bello immaginarvi russare vicini!
Persino durante i tuoi ultimi mesi non ci siamo risparmiat* e abbiamo perfezionato le strutture a te dedicate, mettendo tutto il nostro meglio.
Alla fine ci hai salutat*, nel modo migliore in cui potevi: una giornata di inizio inverno, con il sole che tramontava, ti sei ricongiunto con il resto del mondo, e noi siamo stat* così fortunat* a poterti conoscere ed averti come amico.

Arrivederci, Papavero.

Arrividerci, amico Trombino

Ieri, con enorme dolore e sofferenza, abbiamo salutato il dolcissimo e anziano beagle Trombino. E’ stato tutto molto improvviso e ci ha lasciate e lasciati tutte/i stordite/i. Un grave peggioramento dovuto ad una insufficienza renale e polmonare è avvenuto durante la scorsa notte e le conseguenze non ci hanno lascia to altra scelta che lasciarlo andare, per evitargli sofferenze che non avrebbe meritato.

Abbiamo detto arrivederci ad un amico con il quale abbiamo condiviso momenti meravigliosi, incredibili, pieni di gioia. D’altronde lui era così, colmo di vita e positività. Come il suo amico del cuore Pompadour, aveva trascorso i primi terribili anni della sua vita in laboratori dove ha subito esperimenti di vivisezione: entrambi, però, giunti alla Fattoria della Pace, sono letteralmente rinati, grazie all’amore e al clima pacifico e rispettoso che hanno trovato.  Qualcuno di voi li ricorderà di sicuro, coccoloni e curiosi all’inizio di qualche visita guidata.

Trombino, ci mancherà infinitamente il tuo sguardo profondo, allegro, la tua vitalità quando riuscivi ad intrufolarti fuori o dentro da qualche cancello, scodinzolando talmente veloce che camminavi un po’ storto. Ci mancherà il quotidiano momento delle pappe, che per te duravano giusto un paio di minuti, visto che razzolavi tutto alla velocità della luce.

Ci mancherà venirti a recuperare nel pollaio, dopo che riuscivi ad infilarti e ad andare alla ricerca delle due adorate uova.

Ci mancheranno le mattine insieme, quando ci seguivi tenacemente e silenziosamente lungo il corridoio delle mangiatoie, dando il tuo buffo supporto morale ai lavori quotidiani.

Ti ameremo per sempre.

Siamo fatti di polvere di stelle, Trombino, un giorno ci ritroveremo.

Arrivederci,
le volontarie e i volontari di Ippoasi.