FERRAGOSTO DI FUOCO A IPPOASI! – sabato, 15 agosto, dalle ore 20:00

In occasione di questa importante serata di festa, Ippoasi continua a stravolgere le “regole” per costruire un mondo più giusto per tutt*: se siamo, purtroppo, soliti vedere tristi animali non umani al circo, ecco che, per questa serata speciale, sarà il circo ad andare dagli animali, con un simpatico spettacolo di giocoleria, luci e fuochi!
E, sempre per rimanere in “temi caldi”, altra grande performance di Barbara Mugnai, che si esibisce nel monologo teatrale “Pillola Rossa”.

Come sempre, saremo allietati da un buonissimo ab-buffet biovegano (senza prodotti di origine animale), a km 0, a lume di candela e, come se non bastasse, coinvolti nell’osservazione notturna del santuario, per conoscere le abitudini notturne degli animali ospitati!
Insomma, una vera e propria serata di FUOCO…da non perdere!! :)

20:00    grande buffet biovegano a km 0
21:30    monologo teatrale “Pillola Rossa”, di Barbara Mugnai, regia di Ugo Pagliai
22:00    osservazione notturna del santuario
23:00    La corte dei folli, fire & led juggling
Biobar aperto per tutta la serata!

Serata benefit per il Santuario di Animali liberi, gestito dalla Fattoria della
Pace Ippoasi Onlus, in collaborazione con Animali in Cucina.

PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA (accorrete!!!):
eventi@ippoasi.org oppure 389 7629476
(max 100 persone)

Grazie a tutt* di cuore!

Contrassegnato , , , , , , |

APPELLO PER GORGONA, L’ISOLA DELLE BUONE PRATICHE: adesioni da parte di giuristi e altre personalità

L’isola-carcere di Gorgona negli ultimi anni è stata un importante luogo di sperimentazione, dove con successo sono state praticate nuove forme di convivenza tra umani e animali. La decisione dell’Amministrazione Penitenziaria di esternalizzare le attività produttive, compresa la gestione degli animali presenti sull’isola, mette a rischio la sorravvivenza del progetto.
Al fine di sensibilizzare le autorià istituzionali sul tema, LAV e Essere Animali hanno promosso, qualche settimana fa, un’iniziativa di mail bombing che ha visto almeno 10 000 firmatari.
Un importante passo avanti è stato fatto quando, il 5 maggio c.a., il Senato ha dichiarato il Governo «impegnato a valorizzare e promuovere buone pratiche come l’esperienza di reinserimento e recupero dei detenuti del carcere dell’isola di Gorgona attraverso attività con animali domestici».
QUI PER APPROFONDIRE

*** ** ***
Ippoasi, direttamente coinvolta nel delicato e fondamentale ruolo di accoglienza e cura degli animali graziati, si unisce agli amici di LAV e ESSERE ANIMALI nel promuovere e diffondere il seguente COMUNICATO STAMPA:

UN APPELLO PUBBLICO PER SALVARE GLI ANIMALI DELL’ISOLA DI GORGONA
Resi noti i primi importanti sottoscrittori, che appoggiano l’iniziativa finalizzata a tutelare l’esperienza di Gorgona e gli ospiti non umani dell’isola.
Migliaia di cittadini, molti personaggi pubblici e numerosi esperti di settori collegati, chiedono di sospendere le uccisioni di animali sull’isola e ispirarsi ai principi di una rieducazione nonviolenta.

Dopo la petizione firmata da migliaia di cittadine/i e la recente mozione approvata in Senato (che impegna il Governo a “valorizzare e promuovere buone pratiche come l’esperienza di reinserimento e recupero dei detenuti del carcere dell’isola di Gorgona attraverso attività con animali domestici”), ora è la volta di importanti persone del mondo giuridico, della cultura e dello spettacolo, che, indirizzando l’appello al Ministro della Giustizia Andrea Orlando e alle altre massime cariche dello Stato – Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, Presidente del Consiglio Matteo Renzi e Presidente della Regione Toscana Enrico Rossi – hanno firmato un documento dal titolo inequivocabile: “Appello per Gorgona: l’isola delle buone pratiche nella relazione umano-animale”.
Questo appello è sottoscritto da persone di varia estrazione culturale e operanti in diversi ambiti professionali, alcune delle quali hanno una conoscenza diretta dell’isola: insieme a persone molto note come Stefano Rodotà, Licia Colò, Sveva Sagramola, Susanna Tamaro, Erri De Luca, è significativa l’adesione di un’antropologa che ha redatto una tesi sulla comunità di Gorgona e quella di un ex persona detenuta sull’isola.
L’appello:
- ripercorre alcune delle tappe fondamentali che hanno caratterizzato il percorso di tutela degli animali presenti sull’isola, sottraendoli ai meccanismi di sfruttamento zootecnico e, quindi, alla morte;
- chiede, per tutti gli animali presenti sull’isola, che tale percorso, iniziato con la stesura della “Carta dei diritti degli animali di Gorgona” e proseguito con l’emanazione di “Decreti di Grazia” per alcuni animali dell’isola, giunga al proprio definitivo compimento.
In uno dei principali punti dell’appello si legge infatti:
“Vi chiediamo di tutelare la vita di tutti gli animali presenti sull’isola, riconoscendo la loro soggettività e il loro status di “esseri senzienti” (cosi come affermato nell’articolo 13 del Trattato di Lisbona) e sottraendoli da ogni forma di vendita o sfruttamento per finalità produttive, nonché dalla morte per macellazione. Lo sfruttamento e l’uccisione degli animali sono, infatti, incompatibili con la missione istituzionale del carcere”.
Dello stesso avviso è anche la prof.ssa Silvia Buzzelli, docente di diritto penitenziario e procedura penale europea e sovranazionale presso l’Università degli Studi di Milano-Bicocca, che nel suo contributo al documento “Carceri: materiali per la riforma” richiama esplicitamente l’esperienza di Gorgona come inedita e innovativa nell’ambito della rieducazione delle persone detenute e ispirata alla relazione nonviolenta tra umano e altri animali.
Il prossimo 14 settembre una delegazione di parlamentari visiterà l’isola di Gorgona per conoscere sul campo questa innovativa realtà. In previsione di tale visita è in corso uno scambio epistolare tra la Direzione del Carcere di Gorgona e le principali associazioni impegnate nella salvaguardia degli animali dell’isola, che si sono rese disponibili a partecipare a un tavolo di confronto per contribuire alla definitiva e sostenibile tutela di tutti gli animali dell’isola (e non solo quelli oggetto dei Decreti di Grazia).

*** ** ***

Testo del COMUNICATO STAMPA: COMUNICATO-STAMPA_Appello-Gorgona_firmatari_23.07.15
Testo dell’APPELLO: Appello-SALVA-GORGONA_con-Firmatari_23.07
Altri link di approfondimento:
http://www.essereanimali.org/appello-per-gorgona
http://www.lav.it/news/appello-salva-gorgona
http://www.ondamica.it/?p=4274#more-4274
http://www.restiamoanimali.it/blog/2015/lappello-dei-giuristi-salvare-gli-animali-di-gorgona/

ESTATE BOLLENTE, MA APPUNTAMENTI A PIOGGIA :)

Car* amic*,
in questa estate bollente, si appresta a calare una rinfrescante ed energetica pioggia di appuntamenti imperdibili!!!

Un incontro di rilievo sarà il 2 AGOSTO 2015, in via del Pallone 2, a Livorno, dalle ore 20, all’interno della manifestazione “Effetto Venezia“.
È prevista la cena, alle ore 20, curata dai bravissimi amici di “La Casina di Alice” e, a seguire, intorno alle 21:30, l’interessante dibattito sul tema dei diritti dei reclusi e sulla relazione tra animali umani e non umani, sulla base delle esperienze maturate sull’Isola-carcere di Gorgona, alla presenza di:
Silvia Buzzelli (università Milano Bicocca),
Carlo Mazzerbo (direttore penitenziario),
Marco Solimano (garante diritti detenuti comune di Livorno),
Barbara Mugnai (monologo ‘Pillola Rossa’),
Marco Verdone (autore del libro ‘L’isola delle bestie’),
Christian Luciani (progetto Fattoria della Pace Ippoasi).
Modera: Camilla Lattanzi (Restiamo Animali/Controradio)

Direttamente dal sito dell’evento:
Prendendo spunto dalle parole-chiave di Effetto Venezia 2015 propone (terra, diritti), il Gruppo di lavoro sulla Questione animale del Distretto di Economia Solidale Altro Tirreno (DESAT) propone di realizzare una serata sul tema dei diritti dei reclusi e sulla relazione tra animali umani e non umani.
La chiameremo Come galline in un pollaio – Viaggio tra i soggetti reclusi e includerà una riflessione a più registri sulla reclusione umana e su quella animale.
Entrambi i soggetti sono esseri senzienti e abitanti di questi piccolo e finito Pianeta Terra.
Le condizioni che portano questi esseri viventi a diventare “detenuti” interessano tutti noi.
È opportuno ricordare e partire dall’esperienza dell’isola-carcere di Gorgona (territorio livornese) tenendo conto della riflessione in atto da molti anni in questo luogo sulla relazione tra umani e non umani.

Appuntamenti nei quali Ippoasi avrà il piacere di presenziare con il banchino informativo saranno:
24-25-26-27 luglio a Sarzana, durante la manifestazione Castle VEGetarian Fest, interessante e ricco esordio per una rassegna di dibattiti e addetti del settore;
26 luglio a Trezzo sull’Adda, durante la manifestazione LIVE-VEG, in occasione del benefit a favore degli amici dell’associazione Vita da Cani;
31 luglio 1-2 agosto a Volterra, durante la manifestazione Volterra Vegan, altra rassegna di interessanti conferenze e stimoli culinari. In particolare, il 2 agosto si segnala la presentazione del progetto “Rete dei santuari di animali liberi“, di cui Ippoasi è stretto collaboratore.

È o non è una autentica pioggia di eventi e di occasioni di incontro?
Presto, accorrete numeros* a rinfrescarvi!

IPPOASI SI PRESENTA ATTRAVERSO IL SUO NUOVO VIDEO!

Car@ Amic@,
durante la splendida serata Ippoasi al chiaro di luna, che si è svolta sabato scorso, 11 luglio, abbiamo colto l’occasione per presentare ai convenuti il nostro NUOVO VIDEO, realizzato dalla bravissima Moira Volterrani.
Un video davvero emozionante, in cui Ippoasi si racconta attraverso le bellissime immagini e le parole dei numerosi volontari coinvolti nel progetto.
Oggi lo vogliamo rendere pubblico e chiediamo a tutt* voi di condividerlo al fine di far arrivare il messaggio di Ippoasi ovunque possa essere utile!

Ringraziamo di cuore Moira per il grande impegno, gli Animali ospiti per la pazienza dedicataci e le volontarie ed i volontari che si sono messi in gioco.

Ecco a voi il nostro nuovo video: PRESENTAZIONE 2015!
Buona visione e tante belle emozioni!